Bari – Ma ‘Che bella giornata’ con Checco Zalone e Gennaro Nunziante

IMG_0003.jpgL’atteso secondo film di Luca Medici, in arte Checco Zalone esce ad un anno di distanza da “Cado dalle nubi” e per fortuna del cinema italiano non è un sequel ma è un film con una trama anche se Checco non rinuncia al suo personaggio, quello del meridionale ignorante che con una spruzzata di ingenuità riesce a disfare e a disarmare le menti più organizzate e rigide del nord.

Il suo film “Che bella giornata” esce in contemporanea in più di 850 sale cinematografiche italiane,IMG_0004.jpg un successo che ha travolto il protagonista e anche il regista e sceneggiatore Gennaro Nunziante, che con Luca ha scritto questo secondo lavoro e non hanno voluto rinunciare in questa giornata particolare a volerla festeggiare in “casa” accanto al pubblico pugliese.

IMG_0007.jpgMolti giornalisti e non hanno atteso i due al Cineporto della Fiera del Levante, dove è apparso un Luca emozionato, ma come suo solito con una battuta riesce a sdrammatizzare e a dire nel contempo la verità “ Sono felicissimo, l’anno scorso non ci avete cacato e a vedere oggi questa gente ci fa davvero piacere”.

“Il pubblico ci ha seguito in questo nostro percorso – continua Luca – perché laIMG_0006.jpg cosa più semplice era aggiungere il n.2 al titolo iniziale e quindi con “Cado dalle nubi 2” riproporre il personaggio con indosso la maglia rosa e la chitarra”.

IMG_0015.jpgInvece l’operazione che i due hanno affrontato risulta più rischiosa e coraggiosa, perché non hanno riutilizzato un canovaccio che ha avuto successo al botteghino (ricordiamo che ha incassato circa 16 milioni di euro), ma hanno presentato ed affrontato una storia con argomenti difficili trattandoli, come solo loro sanno fare, con leggerezza.

Infatti se nel primo si parlava di discriminazione verso i gay e i meridionali, in questo si affrontanoIMG_0020.jpg altri argomenti importanti, senza da parte loro voler trasmettere alcun tipo di messaggio. Si parla di religione, terrorismo e delle missioni di pace.
Un film dove non si fa alcun tipo di satira ma è una pura commedia, dove si ride ad ogni scena e non ogni tanto, evidenziando i comportamenti realmente presenti nella nostra società.

IMG_0016.jpg“La cosa più bella che accade in questi giorni rispetto agli anni passati – interviene Nunziate – e che il linguaggio della nostra terra ha oggi le porte aperte, ti accolgono non devi più bussare. Si parla della Puglia, tanto che a Firenze in una conferenza stampa ci hanno chiesto “ma che cosa sta accadendo in Puglia, avete fatto sistema?”. Non immaginano che ognuno ha lavorato per proprio conto solo con tenacia. Siamo venuti fuori dagli anni ’90 da un’egemonia politica dove non accedeva nulla e si sono aperte delle brecce sui muri che hanno dato vita a tante realtà”.

Il film “Che bella giornata” è anche un viaggio andata e ritorno tra Milano e la Puglia. NonIMG_0009.jpg mancano gli scorci di Polignano a Mare con il suo mare cristallino e le abitazioni tipiche di Alberobello e le sue tradizioni. La Pugliesità non manca anche quando si riprende il Pirellone e il Duomo con la sua Madonnina.

Oggi il linguaggio artistico pugliese da locale è diventato globale, grazie a Luca ma anche a tanti altri artisti, come anche Caparezza, amato per il suo sound tipicamente pugliese, che proprio nel film interviene con un divertente cammeo, interpretando se stesso.
IMG_0010.jpgPer il film di Luca e Gennaro, già dieci giorni prima dell’uscita del film è scattata la caccia per trovare o prenotare on line i biglietti. Al Showville di Mungivacca la proiezione verrà trasmessa nella mega sala di 680 posti.

Coprodotta da TaoDue, con il sostegno dell’Apulia Film Commission, e distribuita da Medusa, vede tra gli attori la bella Nabiha Akkari, Ivano Marescotti (il leghista nel primo film), il bravissimo Rocco Papaleo, Tullio Solenghi e Caparezza, Annamaria del Piano, Michele Alhaique, Luigi Luciano.

Nel film potremo sentire due canzoni inedite cantate da Luca “Se mi aggiungerai” e “L’amore nonIMG_0018.jpg ha religione” suggerita e messa in musica da Papaleo.

Sinossi
Checco, security di una misera discoteca della Brianza, a causa del pericolo di attentati che richiede misure straordinarie per i luoghi a rischio, si ritrova a lavorare come addetto alla sicurezza del Duomo di Milano. In poco tempo e grazie alle sue spiccate capacità intellettuali che provocano infiniti malintesi, Checco diventa la vera minaccia al patrimonio artistico italiano e presto ci si rende conto di non aver fatto un grande affare ad assumerlo. Ma Checco incontra Farah, una studentessa d’architettura che si finge francese e se ne innamora. Farah in realtà è araba ed è a Milano per portare a termine la sua personalissima vendetta.

Un breve video dell’incontro con i giornalisti su:

http://www.youtube.com/watch?v=iP-0b-ERko4

Anna deMarzo
Bari – Ma ‘Che bella giornata’ con Checco Zalone e Gennaro Nunzianteultima modifica: 2011-01-08T14:54:03+01:00da puglialive.net
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento