Bari – Gabriele Salvatores presenta la sua ‘Happy Family’

Gabriele Salvatores0005.jpg“Preferisco leggere o vedere un film piuttosto che vivere…nella vita non c’è una trama!” (di Groucho Marx).

“Sposo questa frase, dopotutto la vita è imprevedibile e caotica, bisogna lasciarsi andare e improvvisare, come nel jazz” ha detto Gabriele Salvatores a Bari durante la conferenza stampa per la presentazione del suo nuovo film “Happy Family”.

Tratto dall’omonima commedia teatrale di Alessandro Genovesi (che ha scritto laGabriele Salvatores0008.jpg sceneggiatura), il film tocca svariati temi, tutti trattati con estema agilità e delicatezza. Nella trama si respira un’aria leggera, dove argomenti quali l’ecologia, l’omosessualità, la malattia ed altri ancora, vengono racchiusi in una città spesso irriconoscibile, alquanto surreale se non fosse per le immagini in bianco e nero: Milano.

Gabriele Salvatores0004.jpgUna storia corale dove l’autore si relaziona con i suoi personaggi in modo ovviamente un pò onirico, un florilegio di colori per evidenziare straordinari primi piani, mentre “tutto scorre”. S’intrecciano così le vicende di 2 famiglie milanesi, che s’incontrano grazie ai loro figli adolescenti e scoprono l’amicizia, scoprono soprattutto i loro caratteri e le loro peculiarità. L’autore della storia, diventa un pò Pirandello, viene investito…..o investe i suoi stessi personaggi (ognuno con le sue paure), in una trama che s’imbroglia e si sbroglia in maniera vaporosa, dove finzione e realtà si fondono. Tutto succede a Milano, si ma è una città quasi deserta, bellissima per girare in bicicletta, Salvatores a proposito di questo ha detto: “Ho girato realmente in bicicletta, per vedere una Milano rallentata, mi sono anche reso conto che il verde è migliorato molto negli ultimi anni!”

Un gabbiano vola nei cieli di questa città senza mare, Salvatores mette in scena l’ottimismo,Gabriele Salvatores0007.jpg sempre, anche quando si parla di temi drammatici come la malattia (in ben due casi nel film), lo fa con leggiadria, traspare nei personaggi una sorta di luminosa sensibilità, è proprio questa “la possibilità di essere ottimista sempre”!

Gabriele Salvatores0014.jpgStraordinario l’uso dei colori, il rosso in tutte le sue nuance impera in molte scene, un pò alla Matisse, un pò vintage, i colori diventano così la colonna portante del film, bella la scena di Margherita Buy dal parrucchiere, dove tutto è color beige e oro! Ma le tinte intense sono dovunque, nella carta da parati dei vari ambienti e negli abiti (che dire delle camicie floreali del personaggio interpretato da Diego Abatantuono)!? “C’è un motivo per l’uso di questi colori, dovevo raccontare una storia finta, però i personaggi volevo fossero veri così ho lavorato su una scenografia simulata, …..la realta è quella delle scene in bianco e nero” dice Salvatores. Da citare la bellissima scena del “notturno di Chopin” che propaga un notturno di Milano.

Alessandro Genovesi a proposito del rapporto autore-personaggio ha detto: “Avevo la necessitàGabriele Salvatores0010.jpg di mettermi insieme ai personaggi della storia, relazionarmi con le persone e avere la presunzione di fare lo stesso con i personaggi, magari a me viene un’idea e loro agiscono!”

Gabriele Salvatores0011.jpgValeria Bilello ex conduttrice di programmi musicali su MTV e All Music, ora conduttrice di “Nonsolomoda” su canale 5, ha alle spalle un film con Pupi Avati ed ha parlato di quest’ ultima esperienza cinematografica con molto entusiasmo: “E’ stato importante lavorare con Salvatores, ho avuto la possibilità d’interpretare un personaggio delicato, all’inizio ho avuto le mie paure dovute all’aura che Salvatores si porta dietro, ma poi è andato tutto bene!”

Il produttore Maurizio Totti (Colorado film) è intervenuto sul difficile argomento dei finanziamentiGabriele Salvatores0006.jpg pubblici al cinema italiano: “Per quanto riguarda noi, devo dire che non abbiamo mai chiesto soldi pubblici, infatti non sappiamo neanche fare le pratiche, conosco più i problemi del mercato che quelli dei finanziamenti!”

Gabriele Salvatores0013.jpgIl film “Happy Family” ha un cast straordinario, dopotutto il regista ex Premio Oscar, ci ha abituato a vedere una sorta di famiglia cinematografica (e teatrale). I protagonisti sono Fabio De Luigi, Valeria Bilello, Margherita Buy, Diego Abatantuono, Fabrizio Bentivoglio, Carla Signoris, Gianmaria Biancuzzi, Alice Croci e Corinna Agustoni..

Da notare la scelta delle musiche, Salvatores non voleva una musica di commento: “In un film fatto con le cose che il protagonista-autore aveva a casa, il disco di Simon e Gartfunkel è perfetto, c’è un’armonia continua, le parti cantate non danno certo fastidio ai dialoghi della pellicola, anzi le parole suggeriscono un pò quello che succede nel film, tutto si svolge nello spazio di un ciao e un addio, è il ciclo della vita.”

Deborah Brivitello
Bari – Gabriele Salvatores presenta la sua ‘Happy Family’ultima modifica: 2010-04-04T12:52:03+02:00da puglialive.net
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento