Bari – Medit Summer Fashion 2011: Marella Campagna la vincitrice

Marella-Campagna-e-uno-dei-.jpgMEDIT SUMMER FASHION 8ª EDIZIONE
VINCE MARELLA CAMPAGNA

E’ Marella Campagna, di Bari ,al 3° anno della Facoltà delle Scienze eIMG_0035.jpg delle Tecnologie della Moda la vincitrice dell’ottava edizione del Medit Summer Fashion, organizzato dalla Butterfly Agency dell’instancabile Antonella Parziale in collaborazione con l’associazione culturale Medit Summer Fashion. Tema di quest’anno era il fantastico mondo del “Cinema”.

IMG_0014.jpgNella magica cornice di Piazza del Ferrarese, si è svolta ieri sera la serata finale, presentata da Antonio Stornaiolo e la bellissima Denny Mendez, che ha visto consacrare la giovane stilista che si è presentata al concorso con due abiti ispirati a un film abbastanza particolare e non facile : “Tetsuo: ovvero the Iron man” un film del 1989, diretto da Shinya Tsukamoto.

Le sue creazioni hanno convinto la giuria presieduta da VenetteIMG_0041.jpg Waste, la stilista Italo Britannica che fà della Sostenibilità la leva strategica di una collezione che propone anche uno stile di vita, e formata da Adrien Roberts Parry – Rettore Istituto Marangoni – Londra – Parigi – Milano;; Florisa Sciannamea – Fashion Designer; Roberto Guarducci – Docente Università Scienze e Tecnologie della Moda; Daniela Poggiolini – Psicologa; Brando Giorgi – Attore; Ivan Iusco – Regista e compositore; Francesca Curcetti – Vincitrice Premio Vogue – Elizabeth Arden; Riccardo Gubbiani – Talent scout stilisti e Daniela Mazzacane, giornalista Telenorba.

IMG_0040.jpgAl secondo posto Carmela Calabrese, di Barletta, che si è presentata al Medit con due abiti ispirati al “Il Gattopardo” film del 1963 di Luchino Visconti. Al terzo posto Luciana Campanale, stilista pittrice, da Cassano delle Murge, che per questa edizione del Medit si è cimentata nella presentazione di due abiti di un film storico come “Ulisse”, del 1954 con la regia di Mario Camerini.

Durante la serata sono stati premiati anche i primi tre classificati del concorso fotograficoIMG_0064.jpg indetto dalla Butterfly Agency in collaborazione con l’associazione culturale Medit Summer Fashion. Dal giorno 30 giugno all’ 8 luglio le opere dei partecipanti al concorso fotografico sono state esposte all’interno di una mostra fotografica presso il Fortino di Sant’Antonio Abate a Bari. La giuria, presieduta da Daniela IMG_0048.jpgPoggiolini (Presidente) – Psicologa ha assegnato il primo premio a Domenico Doronzo, di Barletta “per un ottimo uso del mezzo fotografico e per la capacità di trasmettere il vero senso del cinema, laddove tutti i sensi sono chiamati in causa”. Al secondo posto Antonio Maria Panetti, da Termoli, e al terzo posto Angela Dabbicco, da Modugno.

La serata è stata arricchita dalle creazioni istant fashion di AlfredoIMG_0075.jpg Nocera, che ha realizzato tre vestiti ispirandosi a tre icone del cinema: Anna Magnani, Sofia Loren e Marilyn Monroe, e coinvolgendo, nella seconda parte dello spettacolo, il pubblico presente in Piazza del Ferrarese.

IMG_0017.jpgSempre al cinema, e allo stile di Audrey Hepburn in “Colazione da Tiffany” le creazioni orafe di Domenico Burdi, ormai presenza fissa del Medit Summer Fashion.
E’ toccato poi allo stile elegante degli abiti di Clò Clò di Enza Dioguardi.
Stupore, scalpore, amore nelle acconciature, in pieno stile esotico, di Miniel pour la Femme, di Elisa Massari, che ha conquistato tutto il pubblico presente.

A far sognare le signore invece, gli abiti da sposa di Giovanna Sbiroli, che ha presentatoIMG_0027.jpg la collezione primavera/estate 2012, con un omaggio anche ai 150 anni dell’Unità d’Italia.
Infine, a concludere la serata, le creazioni di Venette Waste, ovvero la sostenibilità con glamour.
A impreziosire la serata anche un momento poetico: Denny Mendez e Brando Giorgi hanno, infatti, letto due poesie di Stefano Benni.

La photogallery è del nostro photoreporter Egidio Magnani

Bari – Medit Summer Fashion 2011: Marella Campagna la vincitriceultima modifica: 2011-07-10T18:44:25+00:00da puglialive.net
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento