BARI – ‘Il Sole dentro’: il nuovo film di Paolo Bianchini

IMG_0023.jpgEttore Scola l’ha definito Il ‘ The Millionaire’ italiano. Il nuovo lavoro del regista Paolo Bianchini, ‘Il sole dentro’ in lavorazione a Bari, è la storia vera di ragazzi che raccontano realtà attraverso le loro esperienze e sofferenze.

L’Alveare produzione, in collaborazione con Rai Cinema, Apulia FilmIMG_0014.jpg Commission e OZ film, con il patrocinio dell’UNICEF, della FIGC Federazione Italiana Gioco Calcio, della Comunità di Sant’Egidio e del Ministro degli Interni, ha tenuto, in mattinata, la conferenza stampa di presentazione sul set del film allestito all’interno della Baia di San Giorgio a Bari.

IMG_0004.jpg“Alle loro Eccellenze i membri e responsabili dell’Europa..” questo l’incipit della lettera scritta da due adolescenti guineani, Yaguine e Fodè, portavoce di bambini e ragazzi africani e di una realtà fatta di rinunce, sperando di ricevere, con questa lettera, aiuto per ottenere scuole, cibo e cure.

Con la lettera in tasca i due ragazzi si nascondono nel vano delIMG_0010.jpg carrello di un aereo diretto a Bruxelles ed ha, così, inizio la storia di un lungo viaggio che si andrà ad incrociare con le vicende di Thabo e Rocco, due adolescenti che intraprendono un percorso contrario dall’Europa all’Africa.

IMG_0019.jpgDue storie diverse ma comuni, vissute a distanza di dieci anni l’una dall’altra che s’intersecano e si fondono nel nuovo film di Paolo Bianchini.

In memoria di Yaguine e Fodè, il regista vuole dar vita alla vicenda di Thabo, tredicenne, che cerca di tornare nel suo villaggio natio, N’Dola, accompagnato dall’amico Rocco, quattordicenne di Catania.
Due adolescenti del Sud, due Sud del mondo diversi eppureIMG_0020.jpg similari che si attirano e respingono come le onde del mare che ci unisce e divide inesorabilmente.

Entrambi i ragazzi sono vittime del mercato di bambini calciatori, dal quale sono fuggiti; fuggiti da quel mondo apparentemente idilliaco ma che in realtà sembra solamente ‘risucchiare’ la loro giovinezza.
I due adolescenti si ritrovano a percorrere l’Africa a piedi giocando con un pallone, unico compagno di viaggio, percorrendo in senso opposto uno dei tanti ‘sentieri delle scarpe’ tracciati da migliaia di uomini, donne e bambini fuggiti per le carestie.

IMG_0024.jpgA raccontarci il film oltre al regista, Paolo Bianchini, agli interpreti Angela Finocchiaro e Diego Bianchi, anche l’assessore regionale alla cultura e al turismo Silvia Godelli, l’assessore alle politiche giovanili e alla cittadinanza sociale Nicola Fratoianni, il presidente di Apulia Film Commission Oscar Iarussi, il direttore generale dell’UNICEF Roberto Salvan, Barbara Benedetti e Antonello Quarto, rispettivamente coordinatore nazionale e coordinatore regionale del settore giovanile e scolastico Federazione Gioco Calcio, Marco Pavani della Comunità di Sant’Egidio, un rappresentante di Save the Children, Tomaso Capraro dell’ENI, Andrea Cardinaletti presidente di Credito Sportivo e Limane Koita e Damaye Tounkara, genitori di Yaguine e Fodè.

Raccontare queste vicende è il primo passo –ci ricordano i presenti- per dar voce aIMG_0006.jpg realtà tanto drammatiche nelle quali ragazzi e adolescenti si ritrovano immersi costretti ad un’esistenza difficile, così singole storie carnali hanno il privilegio di aver senso e motivo generale.

IMG_0025.jpgRagazzi che pur di raggiungere la conoscenza si ritrovano a studiare senza il supporto di libri, materiali didattici o addirittura di corrente elettrica; diventano, perciò, spesso merce di usurai dell’uomo e di scafisti del calcio che con subdole scuse prometto una nuova esistenza.

Fortunatamente si può ancora far presa su giovani adolescenti perché capaci di giocare con il dolore e la sofferenza utilizzando il guizzo improvviso dell’ironia e della leggerezza e capaci di giocare a pallone anche tra le macerie di una città devastata dalle carestie o dai bombardamenti.

Luana Martino
BARI – ‘Il Sole dentro’: il nuovo film di Paolo Bianchiniultima modifica: 2011-06-14T22:50:01+00:00da puglialive.net
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento